Loading...

Stare a tavola in Giappone: curiosità (Seconda Parte)

Il popolo giapponese, come è normale che sia, ha delle usanze diverse dalle nostre. Conoscerle può essere sia interessante, ampliando i propri confini del sapere, ma anche utile, soprattutto se si prevede un viaggio in Giappone.

Nella prima parte dell’articolo abbiamo visto alcune caratteristiche del mangiare, come il perché non si utilizzino le posate o quale sia il galateo delle bacchette. Vediamo adesso altre curiosità interessanti.

Mangiare in modo “rumoroso”

Se avete avuto il piacere di consumare un pasto in Giappone, avrete sicuramente notato una cosa che non passa inosservata: i giapponesi a tavola sono abbastanza rumorosi.

Risucchiare gli spaghetti o bere il brodo in modo colorito, sono comportamenti ammessi e necessari. Il risucchio, infatti, serve a raffreddare le pietanze come ramen o zuppe, normalmente servite bollenti.

Inoltre emettere dei rumori a fine pasto, come un sospiro, è sinonimo di gradimento e di sazietà. Paradossalmente, mangiare in silenzio (cosa abbastanza normale per noi occidentali) in Giappone significherebbe non aver apprezzato il piatto e quindi potrebbe anche offendere chi l’ha preparato.

Vietato soffiarsi il naso

Un’informazione che è bene conoscere è proprio questa: in Giappone non ci si soffia il naso in pubblico, a maggior ragione se si è a tavola. Il gesto è considerato un comportamento maleducato dalla popolazione.

In caso di necessità, bisogna alzarsi e recarsi in bagno per farlo, oppure limitarsi a tamponare le narici. Strano ma vero, tirare su con il naso è concesso e di sicuro meno sconveniente rispetto al soffiarselo.

Chi serve da bere?

Un’altra curiosità proveniente dal Sol Levante riguarda il versare da bere: in Giappone, di solito, non ci si versa da bere da soli. Sarà quindi il commensale che abbiamo accanto o davanti a farlo per noi e viceversa.

Se si è ospiti a casa di una persona, sarà questa a riempire il bicchiere dei suoi invitati; se si è a una cena di lavoro, invece, il dipendente di grado inferiore ha il compito di versare da bere agli altri, il capo per primo e poi i restanti superiori.

In generale, si versa sempre da bere prima agli altri e poi a se stessi. Si tratta di una regola di ospitalità (e di educazione) che vale anche qui da noi, seppur non venga spesso rispettata.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Sushipoint.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons