Loading...

Frittata giapponese: la ricetta

frittata giapponeseQuando sentiamo parlare di tamagoyaki, non ci si riferisce che a una frittata giapponese resa particolare da alcuni ingredienti tipicamente orientali e dal metodo di cottura decisamente insolito per la cucina italiana.

Infatti, la frittata giapponese prevede l’uso di salsa di soia ed è cotta alternando strati di uova avvolti su se stessi, fino a formare un filoncino schiacciato.

Con questo metodo di cottura la frittata assume una consistenza molto soffice e decisamente più sfiziosa.

Provatela seguendo questa semplice ricetta.

Ingredienti

  • 4 uova;
  • Un pizzico di zucchero;
  • Un cucchiaino di salsa di soia;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Preparazione

Spaccare le uova e inserirle in una ciotola insieme allo zucchero e alla salsa di soia. Con una forchetta sbattetele con energia, in modo che diventino gonfie e spumose.

E’ importante sbattere le uova per almeno 5 minuti consecutivi in modo che la frittata, in cottura, diventi bella gonfia e molto morbida.

Prendete una pentola rettangolare antiaderente di medie dimensioni, di quelle usate per il forno, per intenderci, e versate al suo interno l’olio. Accendete la fiamma a temperatura moderata e lasciate riscaldare. Con un pezzo di carta da cucina assorbente asciugate l’olio in eccesso, poi versate nella pentola 1/3 delle uova spargendole su tutto il fondo.

Lasciatele rapprendere poi, con l’aiuto di due forchette, ripiegate la frittata su se stessa almeno 4 volte. Lasciatela da un lato della pentola e, nella zona rimasta vuota, versate ancora 1/3 delle uova. Fate in modo che cuociano, poi arrotolate la frittata ancora su se stessa con al centro quella messa da parte in un angolo.

Ripetete l’operazione ancora l’ultima volta con il resto delle uova rimaste. Consiglio di ungere la pentola con il pezzo di carta assorbente imbevuto nell’olio ogni volta che andrete a formare uno strato nuovo.

Ora la frittata giapponese è pronta. Basta adagiarla su un vassoio e tagliarla in fettine spesse circa 2 centimetri e servirla ben calda.

Questa frittata si può mangiare da sola, oppure inserire anche all’interno del sushi. Vedremo in altri approfondimenti come servirli e come abbinarli.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Sushipoint.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons