Loading...

Il sushi non abbattuto è pericoloso: la guida completa

sushiIl sushi è un alimento gustosissimo e molto amato al giorno d’oggi, il boom che ha avuto grazie alle nuove mode culinarie ha permesso a molti ristoranti giapponesi di spuntare in ogni dove anche nei piccoli centri urbani.

Il sushi è un piatto tipico giapponese a base di riso, alghe e pesce, a volte è fatto di verdure, uova, frutta e altri alimenti, ma è soprattutto a base di riso e pesce. Essendo una pietanza a base di pesce crudo, espone ad alcuni pericoli igienico-sanitari.

In questo articolo vi spiegheremo come evitare danni e quali sono i metodi per eliminare i rischi. Prima di parlarvi di sushi non abbattuto, vi consigliamo di controllare sempre le licenze ottenute dal ristorante e lo stato del pesce.

Se volete prearare il sushi a casa, assicuratevi che il pesce sia freschissimo perchè pere essere consumato senza rischi ha bisogno prima di essere trattato igienicamente.

Rischi del sushi

Se trattato correttamente, il sushi non espone ad alcun rischio alimentare (a meno che non siate allergici al pesce o alle alghe), quando invece non viene trattato come si dovrebbe, i rischi sono notevoli e possono durare anche per anni.

Se il pesce non viene abbattuto (si intende conservato per qualche ora nell’abbattitore termico che lo rende sterile ed elimina batteri e parassiti), potrebbe contenere batteri e parassiti nocivi che potrebbero intossicare o attaccare il nostro organismo.

Oltre ad un’intossicazione alimentare, il rischio maggiore è di prendersi una bella infestazione da anisakis. L’anisakis è un vermetto parassita trasparente e difficile da vedere che si installa nell’intestino e inizia a far danni.

A causa di questo verme (contenuto spesso nel pesce azzurro, ma nessun pesce ne è davvero immune) l’intestino non riesce ad assorbire i nutrienti e digerisce male.

Ogni cibo potrebbe risultare fastidioso da digerire e in alcuni casi sono necessari anche anni per riuscire a debellare le conseguenze di un attacco da parte dei parassiti dell’anisakis.

Se preparate il sushi a casa, per evitare il rischio, dovreste avere un abbattitore oppure conservare il pesce per almeno due giorni nel freezer. In questo modo il pesce sarà sterile e non vi esporrà a rischi. Il freddo uccide tutti i batteri.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Sushipoint.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons