Loading...

Kendo: la via della spada

Il Kendo è un antichissima arte marziale che consiste nel saper maneggiare alla perfezione la tipica spada giapponese ovvero la katana.

Nel corso dei secoli questa disciplina ha avuto una lenta evoluzione che l’ha condotta a diventare un vero e proprio sport perdendo parte di quegli aspetti che la rendevano una pratica strettamente militare.

La nascita del Kendo infatti affonda le radici nell’addestramento delle nuove reclute che dovevano essere istruite all’uso di tutte le armi in loro dotazione.

Importantissima è stata poi nella nascita di questa disciplina anche l’influenza Zen che ne ha fatto anticamente anche uno stile di vita per i Samurai insegnando loro a battersi con valore e coraggio senza temere le conseguenze della lotta.

Gli strumenti moderni

Il kendoka moderno ovviamente non ha a disposizione l’armamentario che era in dotazione ai samurai proprio perchè l’evoluzione di questa arte marziale l’ha portata a concentrarsi più sugli effetti mentali che sulle abilità militari.

Oggi i praticanti del Kendo utilizzano una spada costituita da quattro rami di bambù uniti tra loro che prende il nome di Shinai e in alternativa il Bokuto realizzato invece in legno massiccio.

A proteggerli c’è il Bogu, un’armatura che protegge le parti del corpo che gli avversari devono colpire, ed il Men ovvero il caratteristico elmetto con la griglia frontale per poter vedere davanti a se senza però essere colpiti in volto.

Sopra le varie armature e protezioni gli sportivi indossano una giacca chiamata Kendogi che può essere di colore bianco o azzurro ed una specie di gonna molto ampia, l’Hakama.

Le regole

La pratica del Kendo può avvenire o attraverso gli esercizi dei dieci kata che vengono svolti con il Bokuto o con veri e propri combattimenti corpo a corpo dove però è previsto il ricorso alla spada più leggera.

Durante il combattimento lo scopo è quello di colpire l’avversario con lo Shinai alcuni punti sensibili del corpo dell’avversario in modo da ottenere i punti che a tali colpi vengono assegnati da regolamento.

A fare da moderatori all’incontro ci sono ben tre arbitri che vigilano sul comportamento degli sfidanti oltre che sui colpi da loro portati.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Sushipoint.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons