Loading...

Come si frigge il sushi?

sushi tempuraDopo aver raggiunto una certa maestria nel preparare i sushi tradizionali, possiamo passare alle versioni calde. Oggi ci occupiamo di una preparazione particolare, una tecnica che dovremmo cercare di conoscere con maestria se vogliamo davvero diventare dei maestri del sushi. 

Parliamo infatti della frittura del sushi, che è ormai una tecnica di quelle che sono necessarie per preparare qualunque menù completo.

Vediamo insieme cosa c’è da sapere sulla frittura dei roll, come vanno preparati e se è necessaria o meno una pastella. Pronti? Oggi ci dirigiamo verso l’universo più fusion del mondo del sushi.

La pastella?

Sì, per friggere c’è bisogno di pastella. Come però avrete sicuramente notato se siete degli attenti osservatori, la pastella del sushi dopo la frittura è molto leggera e quasi trasparente. Si tratta infatti della stessa identica pastella utilizzata per la tempura. Noi abbiamo preparato una guida per la preparazione della tempura. Dovrete seguirla per filo e per segno. Una volta seguita la guida, saremo pronti per friggere il nostro sushi.

Ci vuole l’alga esterna

Il sushi che va fritto, anche per pochi secondi verrà immerso in un liquido a temperature molto alte. Per evitare che si sfaldi è sicuramente preferibile utilizzare le qualità e le varietà di sushi che hanno l’alga esterna.

In caso contrario è davvero difficile immergere il sushi senza che questo si sfaldi.

Trucchi per la cottura

Per portare a termine la frittura del sushi, dovremo seguire qualche piccolo trucco:

  • Inserire il roll bagnato di pastella soltanto quando l’olio sarà estremamente caldo;
  • L’olio deve essere fresco e di prima frittura: avere un sushi impregnato di olio bruciato è una pessima idea;
  • Bisogna far friggere per pochissimi secondi;
  • Ci si può aiutare con una schiumarola: ci permette di far affondare in modo controllato il pezzo di sushi e recuperarlo immediatamente;
  • Si può utilizzare anche una pinza, per mantenere il sushi a cottura per il tempo desiderato, senza che vaghi per la pentola.

L’olio da utilizzare deve essere il più leggero possibile: consigliamo o un olio di nocciola o uno di semi di girasole. L’olio d’oliva, dal sapore troppo intenso e dal punto di fumo leggermente basso, non è sicuramente indicato per questo tipo di cotture.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2022 - Sushipoint.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons